Ernia del disco

ERNIA DEL DISCO: QUANDO IL DISCO INTERVERTEBRALE LANCIA il S.O.S.

Il disco intervertebrale può essere paragonato ad un cuscinetto di ammortizzazione situato tra le nostre vertebre.

Questo è costituito da una zona centrale gelatinosa (composta per 85% da acqua) che attutisce i colpi, i carichi quotidiani ed i movimenti di rotazione ed inclinazione delle vertebre ed una parte periferica fibrosa.

Spesso durante il giorno, a causa degli stimoli a cui sottoponiamo i dischi, questi riducono il loro spessore, mentre la notte lo riacquistano.

Ciò avviene perché il disco è irrorato da alcuni piccoli vasi sanguigni, tramite cui elimina sostanze di rifiuto e liquidi e recupera sostanze nutritive e liquidi grazie alle variazioni di pressione che avvengono durante i movimenti della colonna.

Il sovraccarico, causato da posture errate, porta il disco a non riuscire più a recuperare il liquido perso disidratandosi definitivamente.

Questo certamente causa dolori, artrosi, “schiacciamenti” vertebrali.

Posture errate e traumi sono alla base di diverse degenerazioni del disco e quindi di PROTRUSIONI DISCALI o di ERNIE DEL DISCO.

La protusione discale

La protrusione è caratterizzata da un processo di degenerazione del disco che a causa di un trauma o di eccessivo carico, spinge contro la parte fibrosa deformandola. Questa deformazione avviene sempre verso la parte posteriore e rappresenta l’anticamera dell’ernia discale. 
La protrusione è un processo che, se preso in tempo e curato con esercizi specifici (rieducazione posturale), oltre che corrette posture, può regredire!

L’ Ernia del disco

L’ernia del disco può essere un’evoluzione di una protrusione o una degenerazione dovuta ad un trauma.

Le cause sono simili a quelle di una protrusione, ma l’evoluzione è diversa.

Mentre la protrusione è una degenerazione non definitiva del disco, l’ernia è un’alterazione definitiva da cui non si può tornare indietro.

Nell’ernia si instaura un danno anatomico dell’anulus fibroso, che si rompe sotto la spinta del nucleo polposo, esce fuori e va a comprimere le strutture nervose.

In questo caso, il dolore è evidente, si associano spesso parestesie, che se risultano persistenti, nei casi più gravi, necessitano dell’operazione chirurgica.

In ogni caso la prevenzione della colonna vertebrale è fondamentale!

La ginnastica posturale

La ginnastica posturale, con la super visione di professionisti competenti, è una terapia il cui obiettivo punta a migliorare e correggere la postura, eliminando il dolore e le rigidità muscolari.

Si può svolgere al fine di prevenire l’insorgenza di patologie legate a posture scorrette o per intervenire su problematiche muscolo-scheletriche già consolidate.

In caso di discopatie varie della colonna vertebrale, la ginnastica posturale  educa le persone che la praticano ad assumere posture corrette e migliora la qualità di vita del soggetto.

La ginnastica posturale aiuta a migliorare la mobilità della colonna vertebrale dando più “respiro” ai dischi intervertebrali spesso sofferenti a causa di varie discopatie.

MAL DI SCHIENA E LAVORO IN UFFICIO AL COMPUTER Palestra posturale correttiva Reggio Calabria GYM POINT ALBINO

ernia del disco

Lascia un commento